Contro l'Inter a San Siro il Verona rimedia un'altra sconfitta, la terza consecutiva, la settima nelle ultime otto gare, ma questa volta l'insuccesso finale suona quasi come un'atroce beffa, un boccone decisamente amaro da digerire. Davanti a una squadra che non perde da 17 giornate e naviga a vele spiegate verso la conquista del suo 19esimo scudetto, i gialloblù hanno disputato una partita gagliarda, intensa e di grande attenzione, uscendo dal campo a testa alta. Forte di una salvezza già in cassaforte da alcune settimane, Juric ha sfidato Conte - per il quale nella conferenza stampa della vigilia non ha nascosto la sua profonda considerazione - a viso aperto, affrontando alti gli avversari, accettando tanti uno contro uno e mettendo in conto anche le eventuali ripartenze. 

ll disegno tattico ha imbrigliato la capolista che solo a un quarto d'ora dalla fine ha trovato la rete della vittoria con il subentrato Darmian, complice anche, a quanto si è visto, un errato scivolamento della linea difensiva gialloblù che ha aperto una prateria davanti all'ex Parma. Sul risultato finale, tuttavia, pesa l'annullamento di un gol a Faraoni, decretato a pochi minuti dal termine per un presunto contatto dello stesso esterno gialloblù su Handanovic. L'intervento è apparso subito inesistente, come poi hanno anche confermato le varie moviole. L'aspetto "curioso" - per usare un termine eufemistico - è che tra VAR e AVAR nessuno si sia sentito in dovere di richiamare l'attenzione del direttore di gara, che avrebbe avuto quanto meno l'occasione, o l'opportunità, di verificare se la decisione presa fosse stata quella giusta. Misteri.

Ora, però, bisogna andare avanti lo stesso. Mancano ancora cinque partite e, quanto visto in questo periodo così avaro di punti, sembra essere più un problema di risultati che non di gioco. Ma continuando così, come ha ricordato lo stesso Juric nel post gara, anche quelli prima o poi arriveranno. 

Sezione: Editoriale / Data: Lun 26 aprile 2021 alle 18:00
Autore: Enrico Brigi / Twitter: @enrico_brigi
vedi letture
Print