La prima della classe contro la squadra rivelazione dello scorso campionato che si sta confermando anche quest'anno. Il capocannoniere della Serie A contro la difesa meno battuta del campionato. Milan-Verona promette scintille. Da un lato una squadra che sta finalmente raccogliendo i frutti dopo tanta sofferenza e tanto lavoro, dall'altra un team che, invece, ha ancora voglia di stupire.

Il Verona è chiamato a una trasferta complicata a San Siro con i rossoneri primi della classe. Sarà una sfida piena di duelli, tra i quali spicca quello tra Ibra e Lovato. Chi l'avrebbe mai detto, ci viene da pensare. Il quarantenne Ibra contro uno dei difensori più in forma del campionato, che arriva dopo aver vissuto quasi un'intera carriera in Serie C. Sembra una favola, ma è pura realtà.

Il Verona merita questo tipo di partite, questi palcoscenici di assoluto livello. La squadra di Juric, nonostante sia profondamente cambiata dopo il mercato, non vuole lasciare nulla al caso e ha ancora grande voglia si stupire. Il Verona vuole essere una delle grandi della A e questa è la strada giusta. La sfida con il Milan arriva proprio al momento giusto, dopo il bel pareggio con la Juve e la prova d'orgoglio con il Benevento. Sarà l'occasione giusta per capire dove vuole arrivare questa squadra, ma sarà anche una prova del nove per il Milan che si confronterà con una squadra tosta, che ha grande spirito e che sembra nata per vivere queste partite. 

Sezione: Editoriale / Data: Mar 03 novembre 2020 alle 19:00
Autore: Stefano Bentivogli / Twitter: @sbentivogli10
Vedi letture
Print