Le due sconfitte contro Roma Udinese avevano portato un pò di subbuglio in casa gialloblù. La squadra di Juric sembrava tutto d'un colpo aver smarrito le proprie certezze. I due primi tempi contro giallorossi e bianconeri avevano visto in campo una formazione lontana dagli standard abituali, con qualche "crepa" di troppo in fase difensiva, fino a due settimane prima vero fiore all'occhiello.

Contro il Parma, sfida decisiva per i parmensi ma anche per i gialloblù, desiderosi di riprendere il filo del discorso, la squadra ha ritrovato identità e forza, capitanata da un tris d'assi formato da Dimarco, Baràk Günter. Il primo è stato la vera spina nel fianco della retroguardia ducale che per l'arco dell'intero incontro ha invano cercato adeguate contromisure per contenerlo mentre il centrocampista ceco, ha disputato una prova di grandissima sostanza e qualità, confermando di aver ritrovato lo smalto dei giorni migliori. Infine Günter, che dopo aver sofferto domenica scorsa contro Llorente, ha cancellato dal campo un centravanti altrettanto fisico come il danese Cornelius. 

L'aspetto più importante, infine, riguarda l'aspetto mentale tramutatosi nella grande reazione. La squadra, reduce da due sconfitte e andata sotto dopo meno di dieci minuti, non ha minimamente perso la bussola, iniziando un pò alla volta a riprendere in mano la partita fino alla meritatissima vittoria finale. La salvezza, intanto, si avvicina sempre di più.

Sezione: Editoriale / Data: Mar 16 febbraio 2021 alle 13:00
Autore: Enrico Brigi / Twitter: @enrico_brigi
Vedi letture
Print