Il Verona riparte come aveva terminato la stagione. Squadra tignosa, grintosa e con un grande spirito combattivo. Proprio queste caratteristiche hanno consentito al Verona di iniziare con il piede giusto questa stagione. Con la Roma non era una partita facile, tutti lo sapevamo. L'Hellas ha perso pezzi importanti e fondamentali della scorsa stagione, l'ultimo proprio Kumbulla ceduto alla Roma, e c'era curiosità ma anche apprensione per vedere il Verona senza quei pilastri e subito contro una big. L'Hellas non ha deluso, ha sofferto ma è riuscita a sopperire alle difficoltà e per poco non portava a casa il bottino pieno. 

L'atteggiamento è quello giusto, cosi come l'inserimento dei nuovi che si sono subito ambientati e messi a disposizione di Juric. L'inizio fa ben sperare, ma questo punto arrivato e questa buona prestazione non devono nemmeno illudere. E' evidente che al Verona manchi ancora qualcosa, soprattutto in attacco dove si fa veramente fatica. La società lo sa, come ha confermato l'allenatore in seconda Paro nel post partita. Questo Verona necessità di ritocchi importanti per la creazione, sviluppo e finalizzazione del gioco. Il mercato è ancora lungo, c'è fiducia in altri nuovi arrivi che, abbinati a un atteggiamento e applicazione solita del Verona e delle squadre di Juric, fa veramente ben sperare per una stagione che può regalare altre soddisfazioni.

Sezione: Editoriale / Data: Dom 20 settembre 2020 alle 15:00
Autore: Stefano Bentivogli / Twitter: @sbentivogli10
Vedi letture
Print