Silvestri: 6 Incolpevole sul primo goal, sempre pronto quando viene chiamato in causa, al 18' risponde presente su un tiro da fuori di Zielinski mentre al 53' è attento sul sinistro poco oltre il limite di Politano. Leggermente impreciso sul goal del 2-0 che chiude di fatto la partita.

Rrahmani: 6 E' sempre propositivo dimostrando una volta di più di non disdegnare le proiezioni offensive, al 69' prova un tiro sporcato che Ospina controlla, in fase difensiva non commette particolari sbavature.

Kumbulla: 5,5 Bene nella prima parte di gara, dove non va quasi mai in sofferenza dimostrando anzi un'ottima capacità di lettura, al 38' è però lui a perdersi Milik sugli sviluppi del calcio d'angolo che porta al vantaggio del Napoli.

Empereur: 6 Dopo la buona prova contro il Cagliari, Juric decide di dargli nuovamente fiducia e non sbaglia, dimostra ampiamente di poter essere schierato dal 1' mnuto nella difesa a tre del tecnico croato, senza commettere particolari errori o ingenuità.

Faraoni: 6 Come al solito spinge molto sulla corsia destra e sfiora il goal in due occasioni, al 22' Verre toglie dalla porta il suo destro strozzato che stava per finire in rete ad Ospina battuto. Al 61' il VAR annulla il suo colpo di testa vincente per la mano di Zaccagni.

Veloso: 6,5 Dopo la panchina contro il Cagliari torna titolare giocando una gara estremamente propositiva, prova due tiri da fuori, uno per tempo che impegna Ospina, sui calci piazzati il suo piede sinistro è sempre una garanzia.

Amrabat: 6,5 E' il solito, instancabile, motorino a tutto campo, è sempre pronto a tamponare in ogni zona e in molte occasioni guida le transizioni dei gialloblù. Juric lo sacrifica nel finale per provare il tutto per tutto inserendo Stepinski (dall'83' Stepinski: s.v. Juric lo butta nella mischia per provare il tutto per tutto ma non si fa quasi mai vedere in area di rigore).

Lazovic: 6 Come contro il Cagliari nella prima frazione di gioco è il solito concentrato di spinta in fase offensiva e diligenza in fase difensiva, cala con il passare del tempo e Juric lo toglie nel finale (dall'83' Dimarco: s.v. Cerca di mettere in mezzo qualche pallone velenoso).

Verre: 5 Al 22' del primo tempo commette una clamorosa ingenuità togliendo di fatto dalla porta il destro di Faraoni. Leggermente contratto e titubante nei primi 45 minuti, migliora nella ripresa. Esce al 77' (dal 77' Pessina: s.v. Dimostra di non essere ancora al 100% non riuscendo ad incidere a gara in corso).

Zaccagni: 6,5 Con la sua intraprendenza e velocità di gambe riesce sempre a mettere in difficoltà la difesa del Napoli. Al 61' solo il VAR gli nega l'assist per il colpo di testa vincente di Faraoni, a causa di un tocco di mano fortuito (con il regolamento entrante goal come questi non verranno annullati). (Dal 70' Salcedo Mora: 5,5 Entra per dare maggiore vivacità all'attacco ma si vede poco e male, non tenta mai veramente la giocata.)

Di Carmine: 5,5 Confermato da Juric dopo l'ottima prestazione con il Cagliari. Si dà molto da fare ma questa sera non riesce ad essere realmente incisivo. Esce a 20 minuti dalla fine per lasciare spazio a Pazzini. (dal 70' Pazzini: 6 Si conferma la riserva di lusso, entra e si sbraccia in area sfiorando un rigore per mano di Maksimovic dopo un suo avvitamento).

Juric: 6 Non snatura la squadra confermando 9/11 della formazione scesa in campo contro il Cagliari (uniche differenze Veloso per Badu e Zaccagni per Borini squalificato). Il Verona crea ed è sfortunato. L'unica pecca sono state le palle inattive, da cui sono arrivati entrambi i goal del Napoli. Ora però la corsa all'Europa si fa in salita

LE PAGELLE DEL NAPOLI (4-3-3): Ospina 6,5; Di Lorenzo 6, Maksimovic 6, Koulibaly 7, Hysaj 5,5 (dal 67' Ghoulam 6); Allan 5,5 (dal 66' Fabian Ruiz 6), Demme 6 (dal 72' Lobotka 6), Zielinski 6,5; Politano 6,5 (dall'84' Lozano 6,5), Milik 6,5 (dal 72' Mertens 6), Insigne 7. Allenatore: Gattuso 6,5

Arbitro: Pasqua 6

Sezione: Le Pagelle / Data: Mar 23 giugno 2020 alle 22:05
Autore: Francesco Galvagni
Vedi letture
Print