Silvestri 6,5  Attento su Mancini e Zaniolo, il palo lo salva su Mkhitaryan. Al resto ci pensa l’imprecisione degli attaccanti romanisti. Nulla può sulle due reti giallorosse. 

Kumbulla sv Finisce ko per un fastidio muscolare dopo nemmeno venti minuti. Unico intervento un contatto in area su Dzeko dove poteva, forse, starci il penalty. (dal 19’ Dimarco 6 entra a freddo. Fatica a ingranare, meglio nella ripresa. In crescita)

Gunter 6 Subito attento su Dzeko, gran brutto cliente. Orfano di Kumbulla si arrangia con sufficiente autorevolezza. Perde la marcatura sullo stesso Dzeko quando il capitano giallorosso raddoppia.

Empereur 6 Penalizzato ingiustamente con un rigore quando anticipa Pellegrini. Sempre in posizione. Cade goffamente aprendo l’autostrada per Pellegrini, per fortuna sulla linea c’è Lazovic.

Faraoni 6 L’infortunio di Kumbulla lo obbliga ad arretrare nei tre dietro. Sempre concentrato.

Amrabat 5,5 Canta e porta la croce. Da un suo errato disimpegno, prende corpo l'azione del raddoppio giallorosso. Meno lucido del solito, ma il calo è comprensibile. (dal 82’ Badu sv)

Veloso 6,5 Sapiente regia. Si fa valere anche in copertura. (dal 82' Stepinski sv)

Lazovic 6 Evita il terzo gol giallorosso con un prodigioso salvataggio sulla linea. Dirottato a destra non crea particolari pericoli.

Pessina 6,5 Primo tempo in penombra, molto meglio nella ripresa. Il gol di tacco vale da solo il prezzo del biglietto.

Zaccagni 6,5 Con una delle sue incursioni apparecchia per Pessina. Al rientro in campo dopo l'intervallo contribuisce ad alzare i giri del motore gialloblù. Il cambio sorprende un po’.(dal 62’ Eysseric 5 lento e impacciato)

Verre 5,5 Fa quel che può in un ruolo non suo. Il tiro “stoppato” dal braccio di Dzeko meritava il rigore. (dal 62' Salcedo 6 Qualche accelerazione che consente di aumentare la profondità della manovra offensiva. 

Juric 6 La sua partita dura lo spazio di dieci minuti. Le proteste per il rigore assegnato dal sig. Maresca  - apparso inesistente, ai limiti dell'invenzione  - gli costa prima un giallo e subito dopo il rosso. Nel silenzio assordante dell’Olimpico riesce ugualmente a telecomandare i suoi. La squadra sviluppa sempre buone trame di gioco ma non riesce a concretizzare la mole di lavoro svolto.

Sezione: Le Pagelle / Data: Gio 16 luglio 2020 alle 00:30
Autore: Enrico Brigi / Twitter: @enrico_brigi
Vedi letture
Print