Domenica 7 marzo 2021 l'Hellas Verona di Ivan Juric affronterà il Milan di Stefano Pioli, nel match valido per la ventiseiesima giornata del campionato di Serie A TIM 2020-2021. I trascorsi tra gialloblù e rossoneri sono tanti ma il precedente che rimarrà in maniera indelebile nella memoria dei tifosi scaligeri è sicuramente quello del 24 agosto 2013.

Nella prima giornata della stagione 2013-2014, l'Hellas Verona fa il suo storico ritorno in Serie A dopo 11 anni (retrocessione nella burrascosa annata 2001-2002 con Alberto Malesani in panchina). A guidare il club scaligero in panchina c'è Andrea Mandorlini, autore del doppio salto di categoria dalla Lega Pro alla Serie B prima (2010-2011) e dalla cadetteria alla massima serie poi (2012-2013). Al Bentegodi arriva il Milan dell'ultima gestione Allegri, trainato in attacco da Mario Balotelli.

Al 14' è proprio "Super Mario" a sfornare l'assist per Andrea Poli che porta in vantaggio i rossoneri. A prendersi la scena davanti ai 25.000 del Bentegodi sarà però Luca Toni, arrivato in estate a Verona come rinforzo per l'attacco dalla Fiorentina. Con due incornate, la prima su un angolo battuto da Romulo al 30', e la seconda al 53' su assist di Jankovic, l'allora trentaseienne ex campione del Mondo conquisterà subito il cuore di tutti i tifosi di fede gialloblù. Risultato finale 2-1 in favore dell'Hellas: il ritorno nella massima serie non sarebbe potuto iniziare in modo migliore.

Quel Verona di Mandorlini ricorda molto quello di Juric della scorsa stagione, una neo-promossa per la quale tutti gli addetti ai lavori avevano previsto soltanto una corsa disperata alla salvezza e che invece arriverà ad assaggiare per una lunga parte del campionato la zona Europa, concludendo al decimo posto dopo un fisiologico calo nella fase finale del torneo.

Sezione: Focus / Data: Ven 05 marzo 2021 alle 21:00
Autore: Francesco Galvagni
Vedi letture
Print