In questo momento di crisi, con i campionati bloccati, tiene banco il tema della riduzione degli stipendi dei calciatori. La prima a muoversi, in attesa di decisioni collettive, è stata la Juventus. Il club bianconero, infatti, ha concordato con staff tecnico e giocatori, il blocco degli stipendi dei mesi di marzo, aprile, maggio e giugno. In caso di ripresa sarà possibile, rimettersi al tavolo. Lo riporta oggi la "Gazzetta dello Sport". 

Sezione: Rassegna / Data: Dom 29 marzo 2020 alle 13:00 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Enrico Brigi / Twitter: @enrico_brigi
Vedi letture
Print