Pandur 6 Corre l'unico brivido su una conclusione a giro di Insigne che esce a pochi centimetri dal palo. Sicuro tra i pali e attento in uscita. (dal 18' s.t. Berardi 6 come promesso, alla soglia dei trent'anni Juric gli regala l'esordio in serie A. Si fa trovare pronto su una conclusione insidiosa, ma centrale, di Politano all'ultimo giro di lancette del recupero).

Ceccherini 6,5 Toglie i rifornimenti a Insigne che è costretto ad abbassarsi per cercare un pò di spazio. Il capitano azzurro si rende pericoloso una sola volta ma la sua conclusione arriva dalla parte opposta, lontano dalla sua area di competenza. (dal 30' s.t. Lovato 6 marcatura attenta e senza sbavature, non concede spazi).

Günter 7,5 Si presenta in campo con un'inaspettata capigliatura biondo platino. Lascia le briciole a Osimhen e con un lancio di 50 metri pesca Faraoni nell'azione del pari. Superlativo. 

Dimarco 6,5 Dietro è diventato oramai una sicurezza. Costante apporto in fase offensiva, impegna Meret a inizio ripresa con un sinistro da dentro l'area. 

Faraoni 7 Fondamentale in copertura nei raddoppi su Insigne. Ci prova nel primo tempo, ma il tiro è centrale e di facile presa per Meret. Si rifà nella ripresa quando, pescato con il contagiri da Günter, controlla in corsa e spedisce nel sacco. Quarta rete in stagione per lui. (dal 30' s.t. Rüegg 6 preciso in copertura, non corre rischi.)

Dawidowicz 6 La mossa a sopresa della serata di Juric che lo spedisce come un segugio su Zielinski. Svolge il compito con efficacia. Un risentimento muscolare lo toglie di mezzo, speriamo non sia niente di grave, vista la sua convocazione per gli Europei. (dal 41' p.t. Udogie 6,5 gettato nella mischia conferma quanto già visto nelle precedenti occasioni, Personalità da vendere, nonostante la giovane età. Costringe al giallo Bakayoko al termine di una ficcante ripartenza in solitaria)

Ilic 7 Prende in mano la bacchetta e dirige le operazioni da consumato regista. Attenta gestione della palla, abile nell'individuare sempre la giusta soluzione. Alcune verticalizzazioni sono da applausi. 

Lazovic 6,5 Torna a funzionare bene l'intesa con Zaccagni. Obbliga Di Lorenzo a limitare le sue scorribande offensive e lo tiene sempre in apprensione quando supera la metà campo.

Bessa 6 Si muove bene tra le linee, pronto sempre a offrire l'appoggio. Cerca con insistenza ma invano l'ultimo passaggio

Zaccagni 7 Davanti a quella che potrebbe essere la sua futura squadra vuole ben figurare. Ritrova smalto e concretezza dei giorni migliori.

Kalinić 6  La ritrovata condizione fisica gli facilita i movimenti che svolge da attaccante vero. Chiama più volte la profondità. Cerca un improbabile gol con il tacco. (dal 18 s.t Lasagna 5,5 una volta trovato il pari non riesce a sfruttare le sue doti di ripartenza, con il Napoli sbilanciato in avanti alla ricerca del gol della vittoria. )

Juric 7,5 Conferma quanto promesso alla vigilia con la sua squadra che disputa una partita praticamente perfetta. Per buona parte dei novanta minuti comanda il gioco e imbriglia tatticamente Gattuso che ricorre, senza esito, addirittura a cinque attaccanti per cercare di scardinare il bunker gialloblù. Il giallo rimediato a causa di un battibecco con il tecnico partenopeo, lo costringerà - era diffidato - a saltare anche la prima del prossimo campionato, indipendentemente dalla panchina sulla quale siederà. 

Sezione: Le Pagelle / Data: Dom 23 maggio 2021 alle 23:45
Autore: Enrico Brigi / Twitter: @enrico_brigi
Vedi letture
Print