Oggi sul quotidiano "L'Arena" intervista a Gianfranco Zigoni, indimenticato attaccante gialloblù degli anni '70. Chiuso, come  molti, nella sua casa di Oderzo in provincia di Treviso, il famoso "cavallo pazzo" commenta così l'attuale situazione. "Qualcuno ha preso in giro il Belgio perchè ha sospeso i campionati - ha esordito - ma io mi domando come si possa pensare a giocare in questo momento dove la gente muore. Il denaro è la rovina del mondo. Secondo me, se tutto va bene, si riprende a settembre e da gennaio si fa il campionato. L'importante è la presenza dei tifosi. Senza pubblico non è più calcio. Amo Verona - chiude - e dico ai veronesi che ne veniamo fuori".

Sezione: Ex gialloblù / Data: Sab 04 aprile 2020 alle 11:00 / Fonte: L'Arena
Autore: Enrico Brigi / Twitter: @enrico_brigi
Vedi letture
Print