Verona - Spezia 1 - 1 Dopo i positivi segnali fatti vedere contro Fiorentina Inter, anche se alla fine erano arrivate due sconfitte, il Verona ha confermato i progressi anche contro lo Spezia. I gialloblù sono partiti bene, trovando il meritato vantaggio a inizio ripresa con Salcedo. Nel finale, però, complici alcuni errori, gli ospiti hanno rialzato la testa trovando il pari a pochi minuti dal termine con Saponara. 

Cerchiamo, quindi, come sempre, di individuare tre aspetti positivi e altrettanti da migliorare.

ASPETTI POSITIVI

1) Eddie Salcedo: è l'uomo più pericoloso. Provedel prima e il palo poi gli negano la gioia del gol, che trova a inizio ripresa con un perentorio stacco di testa;

2) Darko Lazovic: vera spina nel fianco nella difesa ligure. Disegna con precisione chirurgica la traiettoria per il colpo di testa vincente di Salcedo;

3) Giangiacomo Magnani : dopo Lukaku si imbatte in Nzola, in un altro duello tutto fisico e muscoli. E lo vince alla grande. 

ASPETTI DA MIGLIORARE

1) Ivan Ilić: si approccia male alla gara commettendo diversi errori. Sul gol di Saponara la chiusura non è certo da manuale. La giovane età, tuttavia, è tutta dalla sua parte:

2) Stefano Sturaro: in chiara difficoltà fisica. Perde alcuni pericolosi palloni e si fa anche ammonire. Giusto il cambio a fine primo tempo;

3) Nikola Kalinić: non riesce a sfruttare adeguatamente la chance concessagli da Juric. A parziale giustificazione, tuttavia, una condizione fisica che non può naturalmente essere al top.

Sezione: Copertina / Data: Mar 04 maggio 2021 alle 13:00
Autore: Enrico Brigi / Twitter: @enrico_brigi
Vedi letture
Print