Guardando solo il risultato (1-5) verrebbe da dire che il Verona abbia mollato, abbia completamente staccato la spina. Eppure, come ha anche dichiarato Ivan Juric nel post partita, il risultato finale non rispecchia quanto visto in campo. Il Verona ha preso gol assurdi, con deviazioni e su rigore. Salviamo solo il secondo gol di Immobile, una vera e propria perla. Per il resto, il Verona ha tenuto il campo, si è portato in vantaggio ma non è riuscita ad essere brillante come nelle precedenti partite. La stanchezza si fa sentire, oltre alle assenze pesanti, soprattutto in difesa, che hanno penalizzato notevolmente la squadra di Juric.

Messa da parte questa partita, il pensiero va al futuro. Juric si è sbottonato un pò di più. Prima ha elogiato la squadra per la grande stagione, svelando anche che l'obiettivo minimo all'inizio era addirittura quello di retrocedere ma con dignità. Ne è uscita fuori una stagione strepitosa che ha portato l'Hellas ad essere la sorpresa del campionato.

Come sarà il futuro del Verona? Cambierà tutto. Resteranno 4-5 giocatori e ne arriveranno almeno 15. Un vero peccato smembrare un gruppo cosi unito e forte che ha fatto la differenza. Ma cosi sarà. Il Verona cambierà pelle, ma le idee sembrano essere chiare. Juric ha già parlato con Setti sui giocatori che vuole per la prossima stagione e le loro caratteristiche. Chiaro anche l'obiettivo. Chi sperava di vedere un Verona in Europa dovrà mettersi l'anima in pace. L'obiettivo sarà la salvezza e consolidare la Serie A. Nessun paragone con l'Atalanta. L'Hellas dovrà restare per anni in Serie A, obiettivo raggiungibile considerando che la società è molto più solida proprio grazie al tesoretto ottenuto dalle cessioni fin qui effettuate e da quelle che verranno poi.

Sarà poi compito del club, del direttore sportivo accontentare le richieste di Juric che ha sposato il progetto Verona con la convinzione che l'Hellas potrà diventare una delle squadre con più continuità nella massima serie. Un risultato che se raggiunto, un giorno potrebbe veramente aprire le porte dell'Europa. Ma procediamo un passo alla volta. Il prossimo è finire la stagione, poi il mercato, snodo fondamentale per il futuro del Verona.

Sezione: Primo Piano / Data: Lun 27 luglio 2020 alle 08:00
Autore: Stefano Bentivogli / Twitter: @sbentivogli10
Vedi letture
Print