Una delle ipotesi allo studio avanzate dal mondo del calcio, per fronteggiare questo momento di crisi, è costituito dalla richiesta delle società di attuare un taglio degli stipendi. Oggi sulla "Gazzetta dello Sport" si inizia a costruire un primo calcolo sulla portata della riduzione nei diversi club di serie A. La Juventus - che detiene con 275 mln di euro il monte stipendi lordo più alto - ha già provveduto ad annullare gli stipendi da marzo a giugno. La società gialloblù si piazza al quart'utlimo posto con un monte ingaggi di 21 milioni di euro dove Pazzini (1,3 mln) e Borini (1 mln) rappresentano i top. Oggi pomeriggio alle 18.45 è è previsto un incontro in videoconferenza tra Lega e Aic al termine del quale sarà possibile saperne qualcosa di più.

Sezione: Primo Piano / Data: Lun 30 marzo 2020 alle 11:00 / Fonte: La Gazzetta dello Sport
Autore: Enrico Brigi / Twitter: @enrico_brigi
Vedi letture
Print