Il noto esperto di calciomercato Gianluca Di Marzio, intervistato al Vighini Show, ha parlato a lungo del mercato gialloblù, in particolare di Iturbe e di un suo eventuale sostituto:

Iturbe? “La situazione è chiara, c’è un accordo sulla parola tra Mascardi e il Real Madrid. Perez si è preso questo impegno ma questi accordi sulla parola non valgono molto. Inoltre bisogna considerare anche la finale di Champion’s League se resta Ancelotti. Al momento gli spagnoli hanno la corsia preferenziale. Ci sono anche Roma e Napoli sul giocatore, i giallorossi, però, offrono troppe contropartite tecniche mentre i partenopei sono interessati ma non è una priorità. Comunque sia, brava la società che lo ha trovato.”

Il prezzo di base? “30 milioni possono essere la base d’asta iniziale, ma possono cederlo anche a 25 milioni più bonus possono darlo via. Io personalmente non accetterei contropartite tecniche e farebbe bene il Verona a non farlo dato che Iturbe va venduto per soldi contanti”.

Iturbe acquistato e lasciato a Verona? “L’unica squadra che potrebbe attuare questa strategia è il Napoli, dato che ha tanti esterni di ruolo come Insigne e Mertens. Sicuramente il Real e la Roma non farebbero una cosa del genere”.

Iturbe come trequartista? “Potrebbe sostituire Hamsik nel Napoli ma è improbabile vedere lo slovacco lontano dal club azzurro, nonostante il deludente campionato. Sia nella Roma che nel Napoli giocherebbe sicuramente esterno visto lo stile di Garcia e Benitez. Paradossalmente potrebbe fare anche bella figura nel 4-3-3 della Juventus, se Conte vuole cambiare modulo, dato che i bianconeri giocheranno in modo diverso l’anno prossimo. So che Marotta e Mascardi sono in ottimi rapporti”.

Il sostituto Iturbe? “Uno è Chanturia, il Verona lo ha preso a gennaio e poi lo ha lasciato al Cluj. Bisognerà vedere, quando arriverà in Italia, come si comporterà dato che il giocatore si occupa solo della fase offensiva. Toccherà a Mandorlini allenarlo e a insegnarli il suo gioco. Poi si è trattato Villalba ma, quando sembrava che l’affare fosse ormai chiuso, Sogliano non è stato rimasto impressionato dal giocatore. Chi arriverà al posto di Iturbe non deve essere paragonato all’argentino altrimenti subisce troppe pressioni”.

Romulo? “Il Verona lo riscatta poi si mette alla finestra. Ci sono vari club interessati, al momento la squadra più calda è l’Everton. Bisognerà anche attendere il Mondiale dato che potrebbe diventare un jolly. Se rimarrà non dovrebbe avere problemi, non è un’esigenza di mercato come Iturbe. Chiaro però che se qualcuno ti offre 10 milioni devi sederti ad ascoltare”.

Rinnovo Toni? “Credo che rinnoverà, se fosse andato al mondiale avrebbe annunciato il ritiro a fine Mondiale dato che avrebbe ottenuto il massimo. Inoltre Di Natale ha deciso di andare ancora avanti quindi non è da escludere che resti”.

Sezione: Primo Piano / Data: Lun 19 maggio 2014 alle 23:12
Autore: Matteo Rocchini / Twitter: @RoccoN71
Vedi letture
Print