Ospite delle frequenze di Kiss Kiss Napoli il presidente della FIGC Gabriele Gravina ha fatto il punto sull’attualità del mondo del pallone stravolto dalla pandemia di Coronavirus. Iniziando dal tema della data per la ripresa del campionato: “Di scientifico non c'è nulla nella data del 3 maggio. E' una data ipotizzata. Stiamo lavorando su delle ipotesi di posizionamento di un calendario, ma oggi ogni previsione è priva di fondamento. Dobbiamo lavorare sulle ipotesi. E l'ipotesi 3 maggio farebbe chiudere il campionato al 30 giugno. Ma è ipotizzabile anche il 10 e il 17 maggio. Dobbiamo essere realisti. Oggi esiste una crisi di carattere generale, il calcio è in terza o quarta fascia nelle priorità. Ottimisticamente possiamo dire che c'è possibilità di ripartire. Vogliamo salvare la stagione 2019/20, ma bisogna avere la certezza di non danneggiare la stagione 2020/21. Vogliamo portare a termine questa stagione nel miglior modo possibile, consapevoli che viviamo uno stato di emergenza generale".

Questo il pensiero, invece, sul tema dei playoff scudetto e playout oltre a quello sulla Coppa Italia: "Playoff e playout è una idea. Non ci sono termini stabiliti. E' un'idea marginale rispetto a quella della definizione del campionato. Se si può giocare con playoff e playout vuol dire che qualche partita di campionato si può giocare. Stiamo lavorando. Le ipotesi sono diverse: congelare la classifica; non assegnare i titoli; cercare di trovare una modalità per salvaguardare la competizione sportiva, tra le prime 4 ad esempio della Serie A o chi può avere titolo; cercare di non disputare, se non sarà permesso, ogni partita, ossia finisce qui il campionato e lì bisognerà capire il da farsi. Nell'ambito di tutta questa programmazione c'è da inserire una finestra per le Nazionali nel mese di giugno, ci sono da completare le competizioni internazionali (Champions ed Europa League, ndr) e per quanto ci riguarda anche la Coppa Italia. Oggi dobbiamo essere responsabili".

Sezione: News / Data: Ven 20 marzo 2020 alle 18:00
Autore: Stefano Bentivogli / Twitter: @sbentivogli10
Vedi letture
Print