Il presidente della FIGC Gabriele Gravina è tornato a parlare oggi in collegamento con Sportmediaset XXL: «Cercheremo di arrivare alla fine di questo campionato perché è più giusto e corretto dare una definizione ai tanti investimenti e sacrifici delle nostre società - ha esordito -. C'è la discriminante legata all'Europeo, per il quale gli investimenti e le aspettative sono molto alte. Martedì affronteremo questo tema: il principio primario è la tutela della salute. L’Italia è in questo momento due settimane più avanti, gli altri probabilmente non hanno ancora l’esatta dimensione delle cose. Proporremo alla Uefa di soprassedere alla disputa dell'Europeo».

Gravina ha poi aggiunto: « L’auspicio è quello di arrivare al 30 giugno, senza dimenticare che oltre alla Serie A ci sono altri campionati che devono avere la loro definizione. E dobbiamo inserire anche la Champions e l'Europa League. La dead-line è il 30 giugno, eventualmente vediamo se sforare oltre il 30. Le squadre devono allenarsi? Se il campionato dovesse riprendere a inizio maggio io lascerei perdere la questione allenamenti, per il momento.  Lasciamo stare ragazzi a casa, devono recuperare energie fisiche e mentali»,  ha concluso.

Sezione: News / Data: Dom 15 marzo 2020 alle 20:00
Autore: Stefano Bentivogli / Twitter: @sbentivogli10
Vedi letture
Print