L'ex gialloblù, Fabrizio Cacciatore, attualmente svincolato dopo la rescissione del contratto con il Cagliari, ultima società con la quale ha giocato, ha rilasciato un'intervista al sito VareseSport. Parlando della sua carriera ha rivolto un ringraziamento a Rolando Maran, tecnico di cui è stato alle dipendenze in ben tre occasioni con le maglie di Varese, Chievo Cagliari. Nella chiaccherata si è parlato anche della sua esperienza con la maglia dell'Hellas con la quale ha conquistato una promozione in serie A e segnato il suo primo gol nel massimo campionato, l'anno successivo a Torino contro la Juventus, al quale fece seguito un'esultanza tutta particolare che ricorda così: «Il primo gol in Serie A, per giunta davanti ai tuoi amici, è un’emozione che non dimentichi. Diciamo che tutti questi elementi messi insieme mi hanno fatto esplodere, nel vero senso della parola». Sugli anni in riva all'Adige ha poi aggiunto qualcosa riguardo a Jorginho, oggi centrocampista del Chelsea «Era giovane, ma si vedeva che avesse già qualcosa di diverso. Al Napoli non ha fatto altro che consacrarsi, riuscendo ad esprimersi al meglio nel suo ruolo naturale. Tra l’altro non ci scordiamo che in squadra c’era anche Toni, un giocatore fantastico. Alla sua età avere certi numeri non è alla portata di tutti».

Sezione: Ex gialloblù / Data: Gio 05 novembre 2020 alle 13:00 / Fonte: varesecalcio
Autore: Enrico Brigi / Twitter: @enrico_brigi
Vedi letture
Print