L'Arena: "Toto allenatori Hellas, sarà colpo Grosso? Nicola, il profilo è ok"

13.05.2018 11:30 di Giorgia Segala  articolo letto 1774 volte
© foto di Federico Gaetano
L'Arena: "Toto allenatori Hellas, sarà colpo Grosso? Nicola, il profilo è ok"

Colpo Grosso per Maurizio Setti? L’eroe della notte di Berlino a fine stagione, in caso di mancata promozione in serie A, lascerà quasi sicuramente Bari. E l’Hellas - riporta l'edizione odierna de L'Arena - oggi sarebbe diventata la sua priorità. Piazza di blasone, e questo lo sanno tutti. Ma anche club che per forza di cose deve trovare pronto rilancio dopo una stagione fallimentare, culminato con la retrocessione tra i cadetti.

Grosso, 40 anni, è tecnico rampante. Con la Juventus Primavera ha vinto un “Viareggio“, sfiorando i successi in Coppa Italia e campionato sempre con i giovani bianconeri. A Bari, tra alti e bassi, viaggia in piena zona play off ad un turno dalla fine del torneo cadetto. Farà la sua strada, con vista Verona.

 

PROFILO GIUSTO. In corsa per la sostituzione di Fabio Pecchia c’è anche Davide Nicola, 45 anni. Profilo giusto. Tecnico di grandi valori morali e di buona levatura tecnica. Primi passi al Lumezzane, una promozione in serie A con il Livorno, il passaggio di Bari ed una miracolosa salvezza, la scorsa stagione, con il Crotone.

Quest’anno, a dicembre, con i pitagorici in grande difficoltà, si è fatto da parte, lasciando spazio a Walter Zenga.

Il Verona lo ha già messo sotto osservazione. E Nicola è una delle prime scelte di Setti. Ma anche la serie A non si è dimenticata di Nicola. E al momento il club più “vicino“ all’ex tecnico del Crotone sarebbe il Genoa.

Per il Verona, un problema in più in caso entrasse in maniera decisa in concorrenza per il tecnico.

 

SERGENTE DI FERRO. Poteva arrivare già qualche mese fa. Ma Setti ha deciso di non cambiare in corsa. Stefano Colantuono, 55 anni, dispone di carattere forte e consumata esperienza. Il suo percorso di allenatore inizia all’alba del terzo Millennio.

L’inizio è alle dipendenze di Luciano Gaucci, alla Sambenedettese. Poi una lunga gavetta. Due i momenti di rilievo della sua carriera, coincisi con le promozioni in serie A ottenute alla guida dell’Atalanta. La prima nella stagione 2005-2006, la seconda nel torneo 2010-2011. Per Colantuono già otto anni da allenatore nella massima serie. Tra le altre, ha allenato anche Udinese, Palermo, Torino e Bari.

Attualmente siede sulla panchina della Salernitana, ruolo che ricopre dalla scorso dicembre. Il club granata lo ha chiamato per strappare la salvezza in serie B. Obiettivo centrato in maniera brillante.

 

OUTSIDER. Il nome è stato speso. Il tecnico è stato visionato in maniera discreta dagli scout del Verona in più di una occasione. Mauro Zironelli, 48 anni, è il nuovo che avanza. Ex giocatore del Chievo, “Ziro“ ha fatto la gavetta vera, partendo dai dilettanti. Ha allenato Abano, Sacilese ed Altovicentino. Poi la chiamata del Mestre, società che ha portato dalla serie D al professionismo.

Quest’anno Zironelli ha sorpreso tutti. Calcio brillante coniugato a risultati di rilievo che hanno permesso alMestre di centrare l’accesso ai play off al primo colpo. Zironelli, tra gli allenatori citati, è la scommessa.

Va detto, comunque, che “Ziro“ è allenatore tutt’altro che sprovveduto. Piace molto anche al Carpi.

 

MISTER PROMOZIONE. Torna sempre di moda, forse perché non è mai fuori moda. Ma negli ultimi tempi è rimasto a lungo alla finestra, aspettando la serie A. Beppe Iachini, 54 anni, è specialista in promozione dalla B alla A.

Il colpo gli è riuscito proprio qui a Verona, quando era stato messo alla guida del Chievo. Ma poi si è regalato grandi soddisfazioni anche con Palermo, Brescia e Sampdoria.

Una sorta di etichetta, che a volte, sembrava risultare scomodo. Iachini, infatti, è diventato una sorta di traghettatore. Poi, però, il viaggio in A si è fatto molto più duro.

Quest’anno, tuttavia, Beppe ha consegnato una salvezza preziossima al Sassuolo. La conferma dovrebbe essere giusto premio. Ma pare non essere scontata. Verona resta alla finestra.

 

BRILLA STELLONE. A chiudere, ma non ultimo nelle preferenze, c’è Roberto Stellone, 40 anni. Una promozione in A con il Frosinone.

Oggi al Palermo, in corsa per la promozione. Ma senza salto in alto con i siciliani, potrebbe tornare sul mercato. E all’Hellas piace molto.