L'Arena, Verde: "Sto bene qui e voglio salvarmi"

 di Giorgia Segala  articolo letto 81 volte
Fonte: L'Arena
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
L'Arena, Verde: "Sto bene qui e voglio salvarmi"

«C’è tanto rammarico perché il Genoa si è ritrovato in mano una vittoria che non meritava». Chi parla è Daniele Verde, l’uomo che aveva di fatto chiuso con un gol di pregevole fattura la trasferta in quel di Reggio Emilia contro il Sassuolo. Ospite insieme al compagno Gian Filippo Felicioli di Pittarosso. Un evento organizzato dal nuovo fornitore ufficiale dell'Hellas Verona nello shop del Centro Commerciale Adigeo.

RABBIA GIALLOBLÙ. «Guarda, una rabbia che tutti noi abbiamo ancora dentro» prosegue Verde, «speriamo di coltivarla e gettarla in campo domenica a Ferrara contro la SPAL. Comunque il campionato è ancora lungo e noi ci siamo. Non ci tiriamo indietro, sappiamo che possiamo far bene e raggiungere a fine stagione l’obiettivo». La piccola ala gialloblù mostra sicurezza e determinazione in un ambiente pieno di luci, come il Centro commerciale in questo periodo dell’anno. «I tifosi sono eccezionali. Nonostante la classifica così-così ci sostengono» continua Verde, «dandoci grande carica. Purtroppo col Genoa siamo stati anche sfortunati. Dobbiamo continuare a lavorare e stare uniti».

ULTIMA CHIAMATA? L’ultima occasione per il Verona per riagganciarsi con autorità al treno della salvezza è proprio la partita del Mazza di domenica. «La strada è ancora lunga. Ho visto la classifica, siamo tutti lì. Noi continueremo a fare il nostro gioco e sono sicuro che alla fine arriveranno anche i risultati». Verde resta molto positivo come del resto sono i tifosi che hanno voluto un selfie ricordo con l’ex ala della Roma. Ad un tifoso preoccupato Verde ha risposto: «I punti dovevamo farli anche con qualche grande. Se penso alla partita con l’Inter...Quello era una pareggio scritto. È vero, finora è arrivata soltanto la vittoria col Sassuolo contro una diretta concorrente, perchè vedo il Benevento troppo attardato per pensare ad una sua riscossa. Speriamo di raccogliere con la SPAL, sarebbe un bel modo di rilanciarsi in chiave salvezza».

PENSIERO POSITIVO. Verde resta ottimista anche se l’Hellas dopo quattro turni in cui andava in gol, col Genoa si è bloccato. «Può capitare» racconta l’attaccante scaligero, «era già successo ad inizio stagione. In fin dei conti il campionato è duro e difficile e noi sapevamo fin da subito quello che poteva essere il nostro obiettivo. Non è importante chi segna ma è riuscire a metterla alle spalle del portiere avversario». L’Hellas di reti ne ha subite tante ma ultimamente pare aver trovato giovamento anche da un modulo un po’ più coperto con gli attaccanti pronti a ripartire. E fra questi c’è di sicuro Daniele Verde. «In questo periodo stiamo bene, anche fisicamente» ammette il gialloblù, «siamo cresciuti tantissimo rispetto all’inizio del campionato. Dobbiamo solo essere ancora più attenti in certe situazioni ed avere un pizzico di fortuna in più».

FORZA PAZZO. Quella fortuna che sembra aver abbandonato o quasi Pazzini. «Giampaolo» commenta Verde, «ha avuto dei problemi fisici ma lui resta il numero uno. Speriamo possa far parte della gara domenica. Abbiamo bisogno della sua classe e della sua esperienza».

ZUCU SI? ZUCU NO? Non c’è pace però al Verona visto che ieri sera l’infermeria ha accolto anche Bruno Zuculini. L’argentino ha riportato un’elongazione ai flessori della gamba destra. «Bruno è un combattente. Farà di tutto per esserci, al limite ci sono tanti miei compagni pronti a sostituirlo». Inutile girarci attorno. Nel gruppo gialloblù c’è la voglia di cancellare il ko con il Genoa facendo una grande partita a Ferrara con la Spal. «Loro sono una squadra molto esperta» commenta Verde, «il fatto che sia lì come noli significa che c’è qualcosa che non va anche per loro. Dovremo essere bravi a sfruttare al meglio le loro indecisioni. Ormai dobbiamo cercare di fare punti sia al Bentegodi che lontano dallo stesso».

Dopo la rete con il Sassuolo, qualche mal di pancia fra i tifosi gialloblù aveva suscitato una dichiarazione attribuita a Verde, secondo la quale, avrebbe fatto il possibile per tornare alla Roma. «Non è così» specifica il diretto interessato, «Ora penso solo all’Hellas. Mi trovo benissimo in questa città che è stupenda. È chiaro che mi auguro di restare in categoria salvandomi con questa maglia». Daniele Verde chiarisce tutto. «I nostri tifosi sono amareggiati e noi più di loro per questi risultati che tardano ad arrivare. Però su una cosa mi sento di rassicurarli. Qui nessuno di noi mollerà sino alla fine»