GdS: "Caceres, l’uomo in più per la difesa di Inzaghi"

L’uruguaiano era stato parcheggiato dalla Lazio al Verona. Il suo rilancio lo porta a Roma con chance da titolare
 di Camilla Dalloco  articolo letto 54 volte
Fonte: La Gazzetta dello Sport
© foto di Federico Gaetano
GdS: "Caceres, l’uomo in più per la difesa di Inzaghi"

Ecco Martin Caceres, un jolly per blindare la difesa della Lazio. Un arrivo già preannunciato dalla scorsa estate quando il 30enne uruguaiano è stato «parcheggiato» al Verona perché non poteva essere tesserato dal club di Lotito causa il suo status di extracomunitario. Un ostacolo che è stato superato alla riapertura del mercato. Un rinforzo di valore per Inzaghi soprattutto per il rendimento dell’ex juventino in gialloblù: in campionato 14 presenze (tutte da titolare) e 3 gol (contro Bologna, Spal e Juventus). A Verona Caceres si è rilanciato dopo le incertezze delle ultime stagioni legate ad alcuni infortuni: principalmente la lacerazione del tendine d’Achille del febbraio 2016 che lo ha fermato nell’esperienza in Premier col Southampton.

LA SCELTA. Su Caceres ha puntato subito senza esitazioni Igli Tare: altra felice intuizione del d.s. biancoceleste. Confidando nella sua voglia di riscatto per far tesoro di una grande esperienza arricchita da successi in serie: cinque scudetti, due Coppe Italia e due Supercoppe italiane con la Juventus; una Liga, una Coppa di Spagna e soprattutto una Champions con il Barcellona nella sua bacheca che comprende pure una Coppa America. Caceres motivatissimo a caccia della propria ripartenza nel calcio italiano. Anche per garantirsi la rampa migliore per un posto in nazionale al Mondiale in Russia. A Verona un esame superato a pieni voti: per Pecchia la sua partenza è stata davvero un grave colpo. Ma la Lazio si è affacciata nel suo destino italiano sin dal primo giorno: dal debutto in Serie A del 12 settembre 2009. Avvenuto proprio all’Olimpico, con la maglia della Juventus contro i biancocelesti. E fu Caceres a segnare il primo gol nel successo bianconero per 2­0. Curiosità: in quella partita incrociò come avversario anche Simone Inzaghi, che Ballardini inserì al posto di Dabo dopo che la sua rete aveva sbloccato il risultato.

IN CAMPO. Ora ritroverà Inzaghi, che vuol puntellare la retroguardia per inseguire il progetto Champions e per andare avanti in Coppa Italia e in Europa League. Caceres diventa un’opzione in più per i tre ruoli della difesa laziale. Soprattutto per quelli di esterni: al centro domina De Vrij. Con Pecchia Caceres ha giocato dieci volte sulla destra, una al centro e nelle ultime tre gare sulla sinistra in un reparto organizzato su quattro elementi. Alla Lazio partirà inizialmente in concorrenza con Bastos e Wallace per la corsia destra, mentre sull’altra fascia non appare in discussione Radu, protagonista di una buona stagione. Ma proprio il romeno sarà squalificato nella gara interna col Chievo e così Caceres potrebbe essere subito titolare sulla sinistra. Da lunedì, alla ripresa degli allenamenti a Formello, infatti sarà a disposizione di Inzaghi: in tempo per giocare già domenica. Probabile però che Inzaghi lo tenga in lista d’attesa per la partita successiva: il recupero contro l’Udinese di mercoledì 24 gennaio all’Olimpico. E quindi col Chievo dovrebbero giocare Bastos e Wallace ai lati di De Vrij.

PETIZIONE A proposito dell’olandese, da segnalare un’iniziativa dei tifosi online. Su change.org è stata pubblicata una petizione dal titolo «S.S. Lazio e De Vrij: che rinnovo sia». In riferimento al contratto in scadenza a giugno. Ma la realtà sembra ormai indirizzare altrove Stefan De Vrij per la prossima stagione.