CdS - Verona-Roma: Verre a sprazzi, Amrabat regista aggressivo. Faraoni super

02.12.2019 19:00 di Stefano Bentivogli Twitter:    Vedi letture
Fonte: Corriere dello Sport
© foto di www.imagephotoagency.it
CdS - Verona-Roma: Verre a sprazzi, Amrabat regista aggressivo. Faraoni super

Le pagelle del Verona dopo il ko contro la Roma secondo quanto riporta il Corriere dello Sport:

Silvestri 5 Resta a gambe aperte su Kluivert e non schiva la figuraccia. Si distende bene su Pellegrini nel secondo tempo.

Rrahmani 5,5 Qualche affanno dietro. Ma quando si spinge in avanti è rumoroso: pizzica il palo di testa.

Günter 5 Poco furbo sul rigore: avrebbe dovuto gestire Dzeko invece di saltargli addosso. Si stacca anche da Mkhitaryan sul 3-1.

Bocchetti 6 Un salvataggio importante, un paio di momenti disagio. Faraoni 6,5 E’ nato a Bracciano, viene dal vivaio laziale, ha segnato alla Roma. Il modo migliore di riscattare la distrazione che libera Kluivert sullo 0-1. Il Var gli sottrae la doppietta.

Pessina 5 Juric lo piazza su Pellegrini. Funziona spesso ma non sempre: e per il Verona sono guai. In più 20 palloni persi sono tanti. Veloso (25’ st) 5,5 Dovrebbe aggiungere qualità ma è impreciso.

Amrabat 6,5 Regista dinamico, mediano aggressivo: un giocatore interessante.

Lazovic 6,5 Minaccia costantemente la Roma: un fuorigioco impercettibile cancella il sorpasso sull’1-1. Cala nella ripresa.

Verre 5,5 Cresciuto nella Roma fi no al debutto europeo, piace solo a sprazzi: di testa manca l’obiettivo pareggio. Salcedo (20’ st) 5,5 Vivacizza il Verona solo in parte. Un tiro al volo gli esce di poco, poi esce di scena.

Di Carmine 5,5 L’unico tiro è perfetto, all’angolino, ma è in fuorigioco. E’ più utile nel lavoro di sponda, che favorisce gli inserimenti.

Zaccagni 6,5 La mossa a sorpresa che destabilizza la Roma. Giocando come seconda punta si infila in tutti gli spazi: suo, tra molto altro, è l’assist per Faraoni. Esce stremato. Pazzini (35’ st) sv

Juric (all.) 6 Il suo Verona perde ma merita applausi, perché ha tenuto testa a un avversario più forte.