Le pagelle del Verona: la rivoluzione di Grosso non paga. I gialloblù cadono in casa con il Lecce

05.10.2018 23:45 di Enrico Brigi Twitter:   articolo letto 713 volte
© foto di www.imagephotoagency.it
Le pagelle del Verona: la rivoluzione di Grosso non paga. I gialloblù cadono in casa con il Lecce

Silvestri 6,5 Respinge in angolo con bravura una conclusione di testa sotto misura di Mancosu al 33’. Chiude bene su Palombi sfuggito al controllo di Marrone. Appare esente da responsabilità sulle due reti. Crescenzi 6 il solito stantuffo inesauribile. Nella ripresa Vigorito gli nega la gioia del gol che avrebbe riaperto l’incontro.In affanno in occasione del primo vantaggio leccese quando si fa saltare da Mancosu. Marrone 6 Perde in maniera improvvida alcuni palloni in uscita. Controlla con sufficiente esperienza Palombi e La Mantia, due gran brutti clienti. Empereur 6,5 Scontate le cinque giornate di squalifica trova una maglia da titolare. Attento e preciso. Gradevole sorpresa, merita la riconferma.  Eguelfi 5,5 Esordio e prima maglia da titolare per il difensore di proprietà Atalanta. Si mette in luce nel primo tempo con alcuni buoni inserimenti. Nella ripresa si spegne rapidamente (dal 74’ Ragusa 5 Tenta spesso l’azione solitaria. Non incide ) Dawidowicz 6 Cerca di farsi valere in fase di impostazione anche se la velocità non è il suo forte. Arriva alla conclusione di testa in un paio di occasioni ma conclude alto. Colombatto 5,5 Impegno lodevole in un ruolo non suo, e si vede. Laribi 5,5 Primo tempo spumeggiante dove sfiora la rete in un paio di occasioni. Nella ripresa scompare dai radar per emergere solo nei minuti finali. Matos 6 Appare in serata ispirata. Un infortunio muscolare lo toglie dai giochi troppo presto quando mancano pochi minuti alla fine del primo tempo. (Dal 39’ Cissè 5 Ancora in fase di recupero dal lungo infortunio appare lento e macchinoso. Reclama un rigore per una trattenuta in area.) Lee 5,5 Tanto fumo ma poco arrosto. Spende un giallo per bloccare Mancosu lanciato a rete, (dal 55’ Zaccagni 5,5 Sembra entrare con il giusto piglio. Serve una palla invitante a Pazzini al termine di una bella percussione. Si spegne, poi, anche lui come gli altri.. Pazzini 5,5 Riceve pochi palloni giocabili ma fa poco o nulla per cambiare il corso degli eventi. Si vede annullare un gol per un millimetrico fuorigioco. Non basta per raggiungere la sufficienza. Grosso 5 Sceglie di rivoluzionare la squadra ma il risultato del campo non gli dà ragione. L’infortunio di Matos gli complica i piani ma lui non riesce comunque a trovare l’intuizione vincente. Da rivedere anche la lettura dei cambi.