Le Pagelle del Verona: Di Carmine stende i viola nel più bel Verona della stagione

24.11.2019 19:00 di Enrico Brigi Twitter:    Vedi letture
Le Pagelle del Verona: Di Carmine stende i viola nel più bel Verona della stagione

Silvestri 6 Primo tempo da spettatore non pagante. Nella ripresa vigila senza correre particolari pericoli.

Rrhamani 7,5 Mette la muserola a Ribery togliendogli spazio e fiato, lasciandogli solamente le briciole. Chiude ogni spazio con grande tempismo confermandosi frangiflutti insuperabile. Ennesima sontuosa prestazione.

Bocchetti 6,5 Prima maglia da titolare della stagione dopo gli infortuni che lo hanno tenuto ai box per diverse settimane. Combatte senza commettere errori, affidandosi a posizione ed esperienza. (dal 35’ st Dawidowicz 6 Attento e preciso.)

Gunter 7  Efficace e puntuale nelle chiusure. Sfiora per due volte il gol nel primo quarto d’ora di gara. Nella ripresa contribuisce ad alzare il bunker difensivo senza, questa volta, accusare alcun sbandamento. Disputa la sua miglior partita della stagione.

Faraoni 7 Primo tempo prevalentemente di contenimento, dedicato per precisi di scuderia a supporto di Rrhamani, impegnato a duellare con Ribery. Dragowski, con una grande parata, gli nega la gioia del gol. Nella ripresa, quando decide di cambiare passo, nasce l’azione del gol della vittoria.

Pessina 7 Piedi buoni e indubbia intelligenza tattica. La scelta è sempre quella giusta. Veloso può recuperare senza fretta.

Amrabat 7,5  La prestazione sottotono di San Siro è già alle spalle. Parte lancia in resta sin dai primi minuti. Nella ripresa alza tremendamente i giri del motore, regalando alcune ripartenze devastanti. E’ l'anima vitale del centrocampo, giocatore sempre più imprescindibile.

Lazovic 7,5 Con le sue continue incursioni diventa la spina nel fianco della retroguardia viola. Dalle sue parti prendono origine tutte le azioni più pericolose. Tra i migliori in campo.

Verre 7 Gioca un primo tempo a sprazzi alternando buone cose a errori ingenui. Molto meglio nella ripresa. Il velo in occasione della rete di Di Carmine, però, vale da solo il prezzo del biglietto. Nel finale sfiora il palo con un tiro a volo dai 20 metri.

Salcedo 7 Juric lo colloca a fare la spalla di Di Carmine. Vivace, si getta su ogni palla, obbligando spesso all’errore i centrali viola. Va vicino al gol con una deviazione sottomisura che Dragowski disinnesca non senza difficoltà. Esce ancora una volta tra i meritati applausi del Bentegodi  (dal 26’ st Zaccagni 6,5 Irrobustisce la linea di centrocampo durante il forcing finale viola. Con grande scelta di tempo chiude su Ribery lanciato in contropiede.)

Di Carmine 7 Dopo un giro di lancette mette ko Pezzella in uno scontro di gioco. Il gomito troppo alto gli costa il giallo. Partita di sacrificio dove fatica ad emergere. Sfrutta a dovere il velo di Verre e con un diagonale di precisione chirurgica segna la rete della vittoria e il suo primo gol in serie A. (dal 38’ st Stepinski sv  entra per far rifiatare Di Carmine)

Juric 7,5 Rispolvera Di Carmine e ridà la maglia da titolare a Bocchetti. La novità più importante è tuttavia l’attacco a due punte. Primo tempo brillante, ripresa da applausi quando la squadra alza i ritmi di gioco e sovrasta i viola, mettendo in carniere una vittoria tremendamente importante. Il Verona visto oggi è sicuramente il migliore della stagione.