Le pagelle del Verona: Danzi che personalità. Cerci luce intermittente

Genoa-Verona 3-1
23.04.2018 22:38 di Lorenzo Fabiano  articolo letto 865 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Le pagelle del Verona: Danzi che personalità. Cerci luce intermittente

NICOLAS 5,5 - Sul piattone di Medeiros rimane impietrito. Nemmeno ci prova. Incolpevole sul raddoppio di Bessa. Gran parata nel finale su Laxalt. Sulla prodezza di Pandev può solo raccogliere il pallone nel sacco

BEARZOTTI 5,5 -  Nel primo tempo Laxalt lo fa ammattire. Soffre le pene dell’inferno. Si assesta nella ripresa (Dal 33’ LEE SV)

SOUPRAYEN 5,5 - Fa il compitino. Poca roba. Lazovic ha buon gioco ( dal 12’st VERDE 5 -  Dovrebbe suonare la carica, sbaglia spartito e suona il silenzio) 
 
CARACCIOLO 5,5 - Tardiva la chiusura su Medeiros in occasione del primo gol. Provvidenziale il suo intervento nella ripresa su Lapadula che evita il raddoppio, ma sul gol di Bessa non è esente da colpe. Gli va però dato atto di battersi come un leone.

VUKOVIC 6 -  Pulito, senza particolari sbavature. Sbroglia qualche situazione critica. Zero fronzoli

DANZI 6 - Ha personalità e passo. Si propone e chiede palla.  Buon segno per un ragazzo alle prime armi. Cala vertiginosamente nella ripresa, ma la prestazione c'è 

ROMULO 6 - Esce alla distanza quando si butta dentro con le sue percussioni. Allo scadere del primo tempo si mangia un gol fatto. Si rifà calciando con freddezza il rigore del pareggio. Poi sul più bello sparisce

VALOTI 5 - Morbido e tenero. Meglio nel secondo tempo, ma nel complesso serve ben altro spirito. Ammonito, avremmo visto volentieri al suo posto Zuculini nell’ultimo quarto d’ora

MATOS  4 - Ha sulla coscienza il liscio in avvio a un metro dalla porta sguarnita. Poi si perdono le sue tracce fino a quando nella ripresa svirgola in gradinata sud un pallone invitante. Il suo rapporto con il gol è una crisi esistenziale (Dal 17’st PETKOVIC 5 - Non pervenuto. Non è una novità. Imbarazzante)

CERCI  6 -  Nel primo tempo poco si vede e poco combina, ma nel secondo tempo quando accende la luce si vede un po’ di qualità. Suo il tiro che Hiljemark stoppa con il braccio provocando il rigore del pareggio. Complessivamente in ripresa. Peccato averlo avuto a mezzo servizio per tutta la stagione
 
FARES 6 - Le solite. Ha il merito di dannarsi l’anima. Vero che fa confusione ma almeno ci prova. Cuore e polmoni. Piedi non educatissimi

PECCHIA 5,5 - La squadra è messa bene in campo. Ordinata e con il piglio giusto. Non convincono semmai i cambi. Noi Franco Zuculini, lo vorremmo sempre vedere, anche magari per uno scampolo di partita. Insistere su Petkovic equivale ad un suicidio. Ma provare Tupta, proprio no?