Serie B, il punto sulla 14^ giornata: Palermo in testa, Lecce staccato di un punto

03.12.2018 12:30 di Enrico Lamonea  articolo letto 105 volte
Fonte: Tuttomercatoweb
© foto di Andrea Rosito
Serie B, il punto sulla 14^ giornata: Palermo in testa, Lecce staccato di un punto

Quattordicesima giornata ricca di spunti interessanti in Serie B. Cominciando dallo stop di venerdì della capolista Palermo, fermata in casa sullo 0-0 dal Benevento di Bucchi. Pareggio, quello dei rosanero, che ha permesso al Lecce di avvicinarsi in maniera sensibile grazie alla vittoria in trasferta dei pugliesi sul campo del Carpi: 1-0 deciso dalla rete di La Mantia. Festa grande, dunque, per i tifosi giallorossi che ora possono sognare in grande, visto il solo punto che li separa dal primo posto. Movimento interessanti anche in zona playoff, dove si sono consumati due scontri diretti. Il Cittadella ha confermato il terzo posto, battendo la Salernitana per 3-1 e sganciando proprio i campani che ora sono fermi a 20 punti, esattamente tre lunghezze in meno rispetto ai granata. A pari punti con il Cittadella c’è anche il Pescara di Pillon, che ha fallito il conseguimento del secondo posto da solo a causa della sconfitta sul Perugia: 2-1 al Renato Curi, con i tre punti che hanno permesso agli umbri di agganciare la Salernitana all’ottavo posto che vuol dire, appunto, zona playoff. Restando nelle parti alte delle classifica, vittoria importante anche per il Brescia, vincitore tra le mura amiche contro il Livorno sempre più fanalino di coda. Resta indietro, come detto, anche il Carpi sconfitto in casa, mentre stasera toccherà al Foggia misurarsi tra le mura amiche contro il Venezia: occasione ghiotta per i ragazzi di Grassadonia che possono scavalcare proprio il Carpi ed agganciare il Padova appena fuori dalla zona retrocessione. In zona playout, invece, stanziano pericolosamente Padova e Crotone, sconfitte di misura rispettivamente sul campo del Cosenza (2-1) e della Cremonese (1-0). Scontro diretto nel mezzo della classifica, invece, tra Ascoli e Spezia, che ha visto di Vivarini imporsi in maniera netta (3-1) e scavalcare proprio i diretti avversari, portandosi a ridosso della zona playoff.