L'Arena: "Formazione e approccio, non ci siamo proprio"

16.04.2018 11:00 di Giorgia Segala  articolo letto 171 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
L'Arena: "Formazione e approccio, non ci siamo proprio"

Non c’è niente da fare. L’Hellas è sempre più ostaggio delle girandole di Pecchia. Succede anche a Bologna - scrive L'Arena -, com’è successo tante altre volte. Prima di leggere la formazione ti aspetti una squadra, se non identica, almeno parente stretta di quella che era riuscita a battere il Cagliari. Ti aspetti innanzitutto Franco Zuculini in campo – l’unico vero leader in una squadra che non ha gente di carattere – e ti aspetti di rivedere Fares sulla fascia e Cerci in  mezzo com’era successo al Bentegodi dopo una fase iniziale al limite del ridicolo.

 

ATTESA VANA. Ti aspetti di vedere Aarons  in panchina dopo la prestazione negativa con i rossoblù sardi. A dire il vero, ma questo già da qualche settimana, ti aspetti anche Silvestri in porta. Silvestri che, dopo aver fatto benissimo nel derby di Coppa con il Chievo, aveva fatto molto bene anche nel disastro di Benevento visto che in più di un’occasione il portiere brasiliano ha regalato gol facili agli avversari.

Invece Pecchia stravolge ancora tutto, conferma Nicolas al suo posto tra i pali, manda Fares allo sbaraglio, stritolato nella morsa dei due granatieri del Bologna, si affida ancora ad Aarons che conferma tutti i suoi limiti tecnici e caratteriali giocando ancora peggio di quanto aveva fatto vedere con il Cagliari.

 

ATTEGGIAMENTO. E poi, ancora una volta, l’atteggiamento. Quella sensazione che non può e non  deve avere una squadra che deve lottare per salvarsi. Invece anche sul campo del Dall’Ara s’è capito subito, dopo pochi minuti, che qualcosa non andava, che lo spirito non era quello giusto, che il gruppo stava dormendo, nonostante la sconfitta del Crotone a Genova e il pareggio della Spal ottenuto sul  terreno del Franchi di Firenze.

Nessuno s’è accorto che la salvezza stava scappando, forse nemmeno il mister che non ha fatto praticamente nulla per invertire la rotta.