Primavera, un collettivo pronto a stupire

10.09.2013 07:07 di Michele Zomer Twitter:   articolo letto 1944 volte
Fonte: Michele Zomer
Primavera, un collettivo pronto a stupire

Alcune conferme, nuovi arrivi e tanta, tanta voglia di migliorare le prestazioni dello scorso campionato. Questa lo stato dell'arte nella formazione allenata da Massimo Pavanel, tecnico subentrato la scorsa stagione a Roberto Lorenzini e riconfermato per la nuova avventura. Nuova avventura iniziata nel migliore dei modi con l'importante successo alla prima di campionato, per 3-1 contro il Cittadella, e la vittoria contro l'Udinese alla seconda. Due vittorie non casuali, contro due formazioni molto accorte a livello di settore giovanile.

Si parla molto bene, anche se è ancora presto per stilare bilanci definitivi, di alcuni elementi in forza alla seconda squadra dell'Hellas Verona.

In porta ci sarà Daniele Borra, giovane classe '95, la sorsa stagione in evidenza con la Beretti dell'Entella, stessa squadra dalla quale il Verona ha prelevato De Col e Zampano, ora prestito in B. Grazie anche alle buone prestazioni dell'estermo difensore di Chivasso la Beretti dell'Entella nella scorsa stagione ha raggiunto le Final Four di Cremona dove si sono affrontate le migliori formazoni di categoria.

Molto ci si aspetta da Mihai-Alex Manolache (nella foto), giovane terzino, italo-rumeno classe '96 in prestito dall'Internazionale. Un giovane interessante, che i nerazzurri hanno prelevato dalla Liventina Gorghense, squadra di Eccellenza veneta, nel 2010. Il suo sogno è di diventare il nuovo Cristian Chivu e giocare un giorno nella massima selezione rumena.

Sempre per la difesa, già orchestrata con attenzione e determinazione da Davide Varricchio, arrivato a metà dello scorso torneo, va segnalato l'approdo di Pasquale Crisci, abile difensore centrale classe '95 proveniente dal Benevento, dove ha giocato nella Beretti. 

Calvetti, responsabile del Settore Giovanile scaligero, ha poi voluto puntare su Filippo Boni, altro tassello della retrogardia scaligera, arrivato in prestito dalla Solbiasommese, Eccellenza lombarda, finora sempre titolare.

Passando a centrocampo vanno sicuramente spese alcune parole per Mattia Zaccagni, centrocampista proveniente dal Bellaria Igea Marina, già con esperienze professionistiche alle spalle. Nella scorsa stagione ha collezionato 5 presenze con la sua formazione di provenienza nel torneo di Seconda Divisione. Nel primo impegno di campionato la sua doppietta ha spianato la strada per ottenere la vittoria contro l'Udinese.

Altro giocatore che sicuramente farà parlare di sè è Salifu Alimeyaw, colpo di mercato anticipato da TuttoHellasVerona alla fine dello scorso campionato, impiegato con regolarità durante il Torneo di Rjieka, probabilmente in attesa della documentazione necessaria per esordire nel campionato Primavera 2013-2014. Salifu è il classico mediano di interdizione, veloce, ma allo stesso tempo abile a ripartire in fase di costruzione.

In avanti la società scaligera ha deciso di puntare su Alessandro Gatto, attaccante tarantino, con esperienze in Seconda Divisione e Serie D, rispettivamente con Martina Franca e Taranto. Per lui due reti all'esordio contro il Cittadella.

Il talento di Fabio Alba non si discute. Il fantasista made in Verona sarà sicuramente utile a mister Pavanel per rendere imprevedibile la manovra offensiva del suo collettivo. Sulle sue traccie in passato sia il Milan che la Juve, occhio al personaggio. 

Infine la sorpresa: Fares Mohamed, già trionfatore al Beppe Viola assieme ai promossi in Primavera SallNervo, Ronconi e Birlea. Tanto lavoro sporco là davanti indispensabile per alzare la squadra nei momenti difficili e tenere sempre sotto pressione le retroguardie avversarie. Classe '96, quindi fra i più giovani, è stato schierato in entrambe le gare, per trovare la via del gol ci sarà tempo.