Serie B, inchiesta su Spezia-Parma: sms sospetti alla vigilia

09.06.2018 11:30 di Ilaria Lauria  articolo letto 415 volte
Fonte: gazzetta.it
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Serie B, inchiesta su Spezia-Parma: sms sospetti alla vigilia

C'è un’inchiesta su Spezia-Parma, lo 0-2 che ha riempito di felicità la città emiliana mandando direttamente in Serie A la squadra allenata da Roberto D’Aversa, con la complicità del colpo di scena del pareggio del Foggia a Frosinone nel pieno della zona Cesarini. Nei giorni scorsi, la procura della Federcalcio ha ascoltato due calciatori della squadra ligure, Filippo De Col e Alberto Masi (il primo regolarmente in campo nel match sotto inchiesta, il secondo in panchina), e due dirigenti, il team manager Leonar Pinto e l’amministratore delegato Luigi Micheli. Motivo? Fare luce su due sms "criptici" inviati da due giocatori del Parma, Fabio Ceravolo ed Emanuele Calaiò, ai loro colleghi quattro giorni prima dell’incontro valido per l’ultima giornata di B.

CRIPTICI
In pratica, nei messaggi ci sarebbero stati riferimenti ambigui alla prestazione in difesa dello Spezia, quasi un invito a non metterci troppo cuore magari spingendo anche sulle differenti motivazioni di classifica, con i padroni di casa già fuori da qualsiasi discorso di playoff e il Parma invece in piena lotta per la promozione diretta in Serie A senza passare dagli spareggi. Una situazione che ha portato giocatori e società a mettere in preallarme gli ispettori della Procura. Che hanno potuto cominciare l’attività investigativa prima del match e fino all’inizio delle audizioni a Roma. In cui giocatori e società sono stati chiamati a testimoniare sul contenuto degli sms e su eventuali forme di pressione in vista della partita.

"ATTI DIRETTI" 

Il fascicolo è gestito naturalmente con grande riservatezza e prudenza, siamo ancora all’inizio della fase istruttoria, si deve capire ancora lo spessore della vicenda, e se agli sms «criptici» la Procura ha potuto o potrà aggiungere qualche ulteriore elemento in direzione dell’ipotesi della partita combinata, anche nell’ipotesi che si sia trattato solo di un tentativo non andato a buon fine. L’articolo 7 del codice di giustizia sportiva della Figc definisce infatti così la categoria dell’illecito sportivo: "Il compimento, con qualsiasi mezzo, di atti diretti ad alterare lo svolgimento o il risultato di una gara o di una competizione ovvero ad assicurare a chiunque un vantaggio in classifica costituisce illecito sportivo".

TENSIONE
Lo 0-2 era maturato con i gol di Ceravolo e Ciciretti, alla seconda promozione di fila visto che i due un anno fa arrivarono in Serie A con la maglia del Benevento. Un risultato che si è poi arricchito di un valore enorme con lo sviluppo delle cose a Frosinone. Una partita, quella giocata a La Spezia, piena di tensione anche per la contestazione dei tifosi locali nei confronti della loro squadra, in particolare all’indirizzo di Alberto Gilardino, peraltro un ex del Parma, che anche per gli insulti ricevuti nell’occasione dopo un rigore sbagliato, avrebbe maturato la decisione di smettere di giocare per buttarsi nella carriera di allenatore. Lo 0-2, combinato con le notizie provenienti da Frosinone con la squadra ciociara fermata dal Foggia proprio quando stava per conquistare la promozione, ha poi scatenato la festa di Parma e del Parma, protagonista addirittura di un salto triplo, dalla D alla Serie A, in soli tre anni.

DECISIVI
È ancora prematuro sbilanciarsi sul percorso giudiziario-sportivo della vicenda. Giocatori e dirigenti dello Spezia – che ieri ha definito la nomina di Guido Angelozzi a nuovo direttore sportivo – hanno preso l’iniziativa per evitare di incorrere nell’«omessa denuncia». Evitando di rispondere ai messaggi, ma evidentemente dandogli un peso. È chiaro che ora c’è un passaggio chiave per interpretare la vicenda, l’interrogatorio dei giocatori del Parma che hanno inviato i due sms «incriminati, Ceravolo e Calaiò, ascoltati ieri. Avranno dovuto spiegare il perché di quell’invio in un momento così delicato e l’uso di un certo linguaggio. Sarà questo il bivio fra archiviazione del fascicolo o emissione dei deferimenti. Il tutto entro la prossima settimana.

RISCHIO
L’altro elemento da accertare è l’eventuale coinvolgimento di altri tesserati del Parma, e soprattutto del club, una possibilità che però almeno attualmente sembra totalmente esclusa. In ogni caso, un eventuale processo sportivo anche solo per responsabilità oggettiva metterebbe a rischio la conquistata serie A del Parma perché il club emiliano ha chiuso in classifica a pari punti con il Frosinone (a decidere è stata la differenza reti negli scontri diretti), «condannato» ai playoff. Uno scenario clamoroso, ma ancora da verificare.