Pres. Pescara, il retroscena: "Volevamo Di Gaudio, ma lui voleva la A"

03.09.2019 18:30 di Ilaria Lauria   Vedi letture
Fonte: tuttomercatoweb.com
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Pres. Pescara, il retroscena: "Volevamo Di Gaudio, ma lui voleva la A"
A mercato concluso, come riferisce pescarasport24.it, a Rete8 è intervenuto il presidente del Pescara Daniele Sebastiani, che ha così commentato il mercato della sua squadra: "Quello che dovevamo fare lo abbiamo fatto, qualche ragazzo più giovane forse poteva andare a giocare ma resterà qui alla fine. Zauri aveva chiesto in avanti qualcuno meglio dei nostri, quindi da una categoria superiore perché quelli che ha a disposizione sono tutti bravi. Il reparto offensivo in 2 partite ha fatto 5 gol, cosa chiedere di più? Devo fare i complimenti a Bocchetti e Repetto perché hanno preso giocatori mirati in ogni reparto e allestito, come ogni anno, una squadra competitiva. Dove potremo arrivare lo dirà il campo. I nomi? Brignola era un'ipotesi, Millico era più adatto. Il giocatore che abbiamo cercato è stato Di Gaudio, ho parlato con il Ds del Verona fino all'ultimo ma il giocatore non è voluto andare via e ha preferito provare a giocarsela là. Era il profilo che volevamo, non è stato possibile e abbiamo deciso di continuare con quello che abbiamo che è di qualità. Abbiamo preso Bocic dall'Udinese che in pochi conoscono ma è un bel prospetto, un esterno che ricorda un po' Sottil. Un rimpianto di mercato? Quello di aver dovuto aspettare per portare alcuni giocatori che provengono dalla A perché avrebbero alzato prima anche il livello di competitività negli allenamenti. Sottil? Sono stato uno stalker di Pradè nell'ultimo mese di mercato, come per Massara del Milan, mi auguro per il ragazzo Ache trovi spazio. Egoisticamente mi auguro di no perché a gennaio si potrebbe riaprire il discorso. Voto al mercato? Sono soddisfatto, una sufficienza piena".